Martirologio Romano

Mese di Maggio

 

Clicca sul giorno desiderato

Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
1 Maggio

 

S. Giuseppe Lavoratore, il quale, falegname di Nazareth, provvide alle necessità di Maria e Gesù con il suo lavoro. Per questo motivo celebrandosi in quasi tutto il  mondo la festa del lavoro, gli operai cristiani lo invocano come patrono e lo guardano come esempio.

 La commemorazione del santo profeta Geremia, il quale al tempo dei re di giuda  Ioachim e Sedecia preannunciando la distruzione della Città Santa e la deportazione del popolo, dovette subire molte persecuzioni, per questo motivo la  Chiesa vede il lui la figura del Cristo sofferente. Inoltre egli preannunciò che  in Cristo stesso  si sarebbe compiuta  la nuova  ed eterna alleanza , per mezzo della quale il Padre onnipotente avrebbe scritto nel profondo del cuore dei figli di Israele la sua legge, di modo che Dio potesse essere in loro e loro in Dio.

A Viviers in Francia S. Andeolo , martire.

In Spagna la commemorazione dei santi Torquato , vescovo  di Gaudix e altri sei vescovi di diverse città e cioè Ctesifone, Secondo di Avila, Indalezio, Cecilio, Esichio ,Eufrasio.

Ad Auxerre in Francia S. Amatore, vescovo, il quale estirpò nella sua città le superstizioni dei pagani e stabilì il culto dei martiri.

Ad Auch, in Francia, S. Orenzio vescovo, il quale si sforzo di contrastare gli usi dei pagani della sua città. Cercò di pacificare i Romani con il re dei Visigoti  Tolosano.

In Bretagna  S. Brioc, vescovo e abate, venuto dal Galles fondò un monastero lungo la costa della Bretagna  che poi divenne sede episcopale.

Ad A Coulmiers in Francia la deposizione di S. Sigismondo, re dei Burgundi, il quale si converti dall’eresia ariana al cattolicesimo, formò un coro di monaci che a turno cantavano le lodi di Dio ininterrottamente davanti al sepolcro dei martiri, espiò il delitto commesso con la penitenza, le lacrime e i digiuni, infine dai suoi avversari,  in un villaggio vicino ad Orleans, fu gettato in un pozzo dove morì.

Nella Britannia Minore S. Marculfo, eremita , poi monaco e abate del monastero di  Nanteuil.

A Elwy, in Inghilterra, S. Asato, abate e vescovo.

In Francia S. Arigo. Vescovo, celebre per la  pazienza contro i nemici , per lo zelo contro i simoniaci e la carità verso i monaci romani mandati in Inghilterra.

In Francia  il Transito di S. Teodardo, Vescovo di Narbonne. Ricostruì la sua Cattedrale e rinvigorì il vescovado .Ammalato si ritornò nel monastero dove morì.

A Fossombrone  nelle Marche il B. Aldebrando, vescovo. Uomo di  grande spirito apostolico e austerità di vita.

A Tauroca in Portogallo la B. Mafalda, vergine figlia del re Sancio primo, la quale, impedito il matrimonio da lei non gradito, si fece monaca e introdusse la riforma cistercense nel suo monastero.

Presso montatone in Toscana il B. Vivaldo da S. Geminiano, eremita del terzo ordine di S. Francesco. Fu uomo di grande austerità e  di pazienza ; curò gli infermi con grande amore.

In Istria  Il B. Giuliano Cesarello, sacerdote dell’Ordine dei Minori, il quale si muoveva per vie e piazze seminando la parola di Dio e cercando di rappacificare i cittadini .

A Forlì in Emilia S. Pellegrino Laziosi, religioso dei Servi di Maria, il quale primeggiò nella devozione alla Madre di Dio e nell’amore  al Figlio Gesù e inoltre si occupò delle necessità dei poveri.

In Francia la B.  Petronilla, vergine, prima abbadessa del monastero delle Clarisse  di un villaggio francese.

A Roma il natale di S. Pio V, papa , la cui memoria è stata fatta il giorno precedente.

A Son-Tay in Tonchino S. Agostino Scoeffler, sacerdote dei Missionari delle Missioni estere di Parigi e martire, il quale dopo tre anni di ministero, messo in carcere per ordine dell’imperatore Tu Duc subì il taglio delle testa e così ricevette la corona del martirio che quotidianamente aveva chiesto a Dio.

A Milano S. Riccardo Pampuri., esercitò la professione di medico-chirurgo come una missione. Entrato nell’Ordine dei Fatebenefratelli, ben presto si ammalò e giunse alla morte.

A Vladimir in Russia, il B. Clemente Septyckyj, sacerdote e martire, il quale , priore del monastero degli Studiti della città di Univ, al tempo del regime ostile a Dio, perseverando nella fede meritò di raggiungere la vita eterna.  .

MG - A Cipro S. Panarete vescovo di Pafo (m. 1790).

SCG - A Forlì S. Pellegrino Laziosi. Nacque nel 1265: servita, convertitosi per opera di S. Filippo Benizi, si dedicò al ministero della predicazione e delle confessioni, all’assistenza dei malati e dei poveri. Morì nel 1345. Nel Vietnam i Ss. Agostino Schöffler (1822-1851) e Luigi Bonnard (1824-1852), missionari e martiri.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
2 Maggio

 

   S. Atanasio, vescovo, confessore e Dottore della Chiesa, di grandissima santità e dottrina , il quale ad Alessandria d’Egitto dal tempo di Costantino fino a Valente imperatore lottò tenacemente contro gli Ariani e per questo subì molte persecuzioni e fu più volte mandato in esilio. Infine ritornato nelle  Chiesa a lui affidata dopo molte battaglie e molte corone di pazienza, nel 46mo anno del suo sacerdozio morì in Cristo.

In Panfilia i santi martiri Espero e Zoe, coniugi, e i figli  Ciriaco e Teodulo, i quali come si tranda, sotto l’imperatore Adriano, essendo al servizio di certi pagani, tutti, per comando del padrone,  prima furono bastonati e poi torturati per la professione della loro fede cristiana, infine gettati nel forno  e così resero l’anima a Dio

In Spagna S. Felice, diacono e martire.

La commemorazione dei santi martiri Vendemiale, vescovo in Numidia e Longino Pamariense in Mauretania, i quali nel Concilio Cartaginese combatterono contro gli ariani, per questo Unnerico re dei Vandali ordinò di tagliargli la testa.

A S. Gallo in Svizzera Santa Viborada, vergine e martire, la quale reclusa in una cella presso la chiesa di S. Magno provvedeva alle necessità del popolo e per la fede e per la sua consacrazione religiosa trovò la morte nell’invasione degli Ungari.

In Svezia Il B. Nicola Hermansson, vescovo, severo con se stesso, si dedicò totalmente alla sua Chiesa  e ai poveri  e ricevette con onore le reliquie di S. Brigida.

A Firenze in Toscana S. Antonino , vescovo, il quale dopo essersi adoperato per la riforma dell’Ordine dei Frati Predicatori, si dedicò all’opera pastorale distinguendosi per la santità e la dottrina.

A Cork il Irlanda il B. Guglielmo Tyrri, sacerdote dell’Ordine dei Frati di S. Agostino martirizzato al tempo del regime di Oliviero Cromwell per la sua fedeltà alla Chiesa Romana.

A Vinh Long in Cocincina, S. Giuseppe Nguyen Van Luu  martire , il quale , agricoltore  e catechista, ricercato dai militari al posto del sacerdote Pietro Luu si presentò spontaneamente e morì in carcere  sotto l’imperatore  Tu Duc.

A Dalìas in Spagna il B. Giuseppe Maria Rubio y Peralta , sacerdote della Compagnia di Gesù, il quale si dedicò all’ascolto delle confessioni , alla predicazione degli esercizi spirituali e a visitare i poveri  nella città di Madrid.

Nel campo di sterminio di Auschwitz presso Cracovia in Polonia il B. Boleslao Strzeleki, sacerdote e martire, il quale durante l’infuriare della guerra fu messo in carcere per la fede, dove torturato ricevette la corona del martirio.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
3 Maggio

 

Festa dei  Ss. Filippo e Giacomo, Apostoli. Filippo come Pietro e Andrea nacque a Batzaida e divenuto discepolo di Giovanni Battista fu chiamato dal Signore perché lo seguisse; Giacomo, figlio di Alfeo, presso i Latini è lo stesso  che è considerato fratello del Signore, chiamato giusto fu il primo a governare la Chiesa di Gerusalemme, e , sorta la controversia della circoncisione aderì alla proposta di Pietro cioè di non gravare di quell’antico giogo i discepoli convertiti dal paganesimo. Concluse il suo apostolato con il martirio.

Ad Antinoe in Tebaide i santi Timoteo e Maura, martiri

A Roma sulla via Nomentana al settimo miglio i Ss. Alessandro , Evènzio e Teòdolo, martiri.

A Narni in Umbria S. Giovenale, onorato come primo vescovo di questa sede.

A Kildare in Irlanda S. Conlaedo, vescovo, il quale fu compagno di S. Brigida nella cura spirituale del suo monastero e degli altri a lui soggetti, e con la sua autorità molto potè presso i prelati del luogo.

Nel monastero di Heiligemberg nelle Fiandre il transito di S. Ansfrid , vescovo di Utrech, il quale colpito da cecità ri ritirò nel medesimo convento.

A Kiew in Russia S. Teodosio, abate. Fu il fondatore del più importante monastero russo , la lavra di Kiev, e fu promotore della vita cenobitica in Russia.

A Vercelli la B. Emilia Bicchieri, vergine , dell’Ordine dei Predicatori, la quale benché più volte eletta priora , esercitava con gioia i servizi domestici più umili in mezzo alla suore.

In Polonia il B. Stanislao, sacerdote e canonico regolare, il quale spinto dalla carità pastorale fu diligente dispensatore della parola di Dio, maestro di spirito e molto richiesto per l’ascolto delle  confessioni.

A Susa in Piemonte, il B. Edoardo Giuseppe Rosaz, vescovo.Il quale per 25 anni governò la sua diocesi e si preoccupò delle necessità dei poveri, inoltre fondò la Congregazione delle Suore del Terzo Ordine di S. Francesco.

Nella città di Sherbrooke in Canada la B. Maria Leonia Paradis, vergine che fondò la Congregazione delle Piccole Suore della Santa Famiglia, per l’aiuto spirituale e materiale dei sacerdoti

Torna all’ inizio della pagina

 
 
4 Maggio

 

 A Cirte in Numidia la commemorazione dei Santi Martiri Agapio e Secondino, vescovi, i quali dopo un lungo esilio nella suddetta città, nella persecuzione dell’imperatore Valeriano , quando la ferocia dei pagani metteva alla prova la fede dei giusti, da illustri sacerdoti divennero martiri. Furono pure martirizzati insieme a loro S. Emiliano,soldato, Tertulla e Atonia, sacre vergini e una certa donna con i suoi figli.

A Nicea  in Bitinia S. Antonina , martire, la quale lungamente torturata, appesa per un braccio tre giorni, tenuta in carcere due anni, infine dal preside Priscilliano  mentre professava la sua fede nel Signore fu arsa nel fuoco.

A Lorch, nel Norico settentrionale, S. Floriano martire. Sotto Diocleziano imperatore, per comando del preside Aquilino fu annegato nel fiume Ens con una pietra legata al collo.

 Nelle miniere Fennensi, in Palestina, la passione dei santi martiri Silvano, vescovo di Gaza, e di trentanove compagni condannati a lavorare nelle miniere. Durante la persecuzione, per ordine di Massimino Cesare ricevettero la corona del martirio con il taglio della testa.

A Varsavia in Polonia il B. Ladislao di Gielniow, sacerdote dell’Ordine dei minori, con grande zelo predicò la passione del Signore e la celebrò con inni.

A Londra in Inghilterra i santi sacerdoti martiri Giovanni Houghton, Roberto Lawrence e Agostino Webster, priori delle certose di Londra, Beauvale  e di Axhome, e Riccardo Reynolds, dell’Ordine di S. Brigida, i quali professando senza paura la fede dei padri, furono condotti al supplizio sotto il re Enrico Ottavo. Con loro fu ucciso il B. Giovanni Haile, sacerdote parroco di Isleworth.

A Treviri in Germania il B. Giovanni Martino Moye, sacerdote delle Missioni Estere  di Parigi fondatore delle Suore della Divina Provvidenza di Porthiene e Missionario in Cina dove costituì le vergini insegnanti . Durante la rivoluzione francese mandato in esilio sempre si dedicò al bene delle anime. 

Torna all’ inizio della pagina

 
 
5 Maggio

 

 In Francia, ad Auxerre la passione di S. Gioviniano, lettore e martire  —   Ad Alessandria in Egitto S. Eutimio, diacono e martire.

La commemorazione di S. Massimo, vescovo di Gerusalemme, il quale da Massimino Daza Cesare fu condannato alle miniere, dopo essergli stato cavato un occhio e bruciato un piede con ferro infuocato, poi liberato e preposto alla chiesa di Gerusalemme ivi morì  divenendo luminoso esempio di testimone della fede.

A Treviri  S. Brittone Vescovo, che difese il suo popolo dagli errori di Priscilliano, ma insieme con S. Ambrogio di Milano e S. Martino di Tour tentò di resistere alla ferocia di coloro che volevano la morte di Priscilliano e dei suoi seguaci.

Ad Arles S. Ilario vescovo,il quale da monaco fu fatto vescovo contro il suo volere. Lavorava con le sue mani, si vestiva di una sola tunica sia in estate che in inverno,  camminava a piedi, apriva il suo cuore alle necessità di tutti, dedicava molto tempo alla preghiera , ai digiuni e alla predicazione, invitava i peccatori ad accostarsi alla misericordia di Dio, accoglieva gli orfani e il denaro che raccoglieva in chiesa lo destinava alla redenzione degli schiavi.

A Vienne S. Niceto, vescovo

A Milano S. Geronzio , vescovo.

In Francia  S. Mauronto, abate e diacono, che fu discepolo di S. Amando.

In Aquitania  San Sacerdote, il quale prima fu abate e poi vescovo, ma alla fine predilesse la vita monastica.

In Sassonia San Gottardo, vescovo. Fu abate del monastero di Nieder-Altaich ,visitò e costruì altri monasteri, successe a S. Bernwald nella sede episcopale di Hildesheim,dove cercò il bene della sua chiesa, ristabilì la disciplina del clero e aprì scuole.

A Tours in Francia S. Avertino, diacono, il quale avendo seguito in esilio S. Tmmaso Becket, dopo la sua morte ritornò presso Tours dove visse vita eremitica.

A Licata in Sicilia S. Angelo ,sacerdote dell’Ordine dei Carmelitani e martire.

A Recanati  il B. Benvenuto Mareni, religioso dell’Ordine dei Minori.

A Napoli in Campania il B. Nunzio Sulprizio, orfano ,avendo con le ossa di una gamba cariate ed essendo debilitato nel corpo, sopportò tutto  con animo gioioso, veniva in aiuto a tutti, consolava molto i compagni di sofferenza e lui povero cercava di sollevare dalla miseria in ogni modo i poveri.

A Bergamo la B. Caterina Cittadini, vergine, la quale, rimasta orfana fin da piccola, umile e sapiente insegnante, cercò mezzi per aiutare le fanciulle povere e per  istruirle nella dottrina cristiana, a tale scopo fondò l’Istituto delle Suore Orsoline.

A Dresda in Germania il B. Gregorio Frackowiak, religioso della Congregazione  del Verbo Divino e martire, il quale in tempo di guerra messo in carcere, morì per Cristo colpito con la scure.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
6 Maggio

 

La commemorazione di S. Lucio Cireneo, il quale negli Atti degli Apostoli viene annoverato fra i profeti e dottori della Chiesa di Antiochia.

In Numidia i Santi Martiri Mariano ,lettore e Giacobbe ,diacono, dei quali il primo già da tempo avendo superate le vessazioni della persecuzione di Decio nel confessare Cristo, in seguito con il compagno di nuovo fu messo alla prova e tutti e due dopo crudeli supplizi, aiutati dalla grazia divina, furono uccisi con la spada insieme a molti altri.

A Milano S. Venerio , vescovo, che fu discepolo e diacono di S. Ambrogio, inviò chierici in aiuto ai vescovi dell’Africa e sostenne S. Giovanni Crisostomo esule.

A Roma S. Benedetta,vergine , la quale , secondo quanto narra il Papa S. Gregorio, 30 giorni dopo la morte di S. Galla,alla quale era molto affezionata, morì nel Signore, come lei aveva insistentemente chiesto

A Lindisfarne nel Northumberland (mare del nord) S. Ealberto ,vescovo, il quale successe a S. Gutberto. Rifulse per la conoscenza delle Scritture, per l’osservanza dei divini precetti e per l’abbondanza delle elemosine.

A Montepulciano in Toscana il B. Bartolomeo Pucci-Franceschi, sacerdote dell’Ordine dei Minori, il quale lasciata la moglie i figli e le ricchezze per amore di Dio si fece povero per Cristo

 A Londra i B. Edoardo Jones e Antonio Middleton, sacerdoti e martiri, che al tempo di Elisabetta prima, perché sacerdoti furono sospesi alla forca alle porte delle case che abitavano e poi fatti a pezzi con la spada.

A Quebec in Canada B. Francesco de Montmorency-Laval, primo vescovo della città e apostolo del Canada.Si impegnò in maniera totale per quasi 50 anni a rendere ferma nella fede ed ad aumentare la Chiesa nell’America settentrionale fino al golfo del Messico.

Presso il Cairo in Egitto la B. Maria Caterina Troiani, vergine del Terzo Ordine di S. Francesco, la quale mandata dall’Italia in Egitto, ivi fondò una nuova famiglia di Suore Francescane Missionarie. 

A Roma la B. Anna Rosa Gattorno, religiosa , la quale, madre di famiglia, rimasta vedova, si dedicò totalmente al Signore e al prossimo e istituì le Figlie di S. Anna Madre di Maria Immacolata. Si adoperò con grande sforzo in favore dei poveri degli infermi e dell’infanzia,dove contemplava il voto di Cristo povero.

Presso Monaco in Baviera i B. Enrico Kaczorowski e Casimiro Gostynski, sacerdoti e martiri, i quali al tempo dell’occupazione della Polonia da parte di una forza militare nemica della dignità umana,condotti nel campo di concentramento di Dachau morirono per Cristo nella camera a gas.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
7 Maggio

 

A Roma la commemorazione di S. Domitilla, martire , la quale , essendo figlia della sorella del console Flavio Clemente, nella persecuzione di Domiziano accusata di negare l’esistenza degli dei pagani, deportata insieme ad altri per la fede in Cristo nell’isola di Ponza li consumo il lungo martirio.

A Nicomedia in Bitinia i Santi Flavio e quattro compagni martiri.

 A Le Mans in Francia S. Serenico,diacono, monaco il quale dopo aver visitato le tombe di S. Martino di Tours e di S. Giuliano di Le Mans, trascorse la vita in solitudine e austerità.

A  Beverley  in Northumbria il transito di S. Giovanni Vescovo prima di Hexham e poi di York, unì la vita pastorale alla preghiera e infine lasciato l’impegno ritornò a fare il monaco nel monastero che lui aveva fondato.

Nel monastero di Niedemburg in Baviera la B. Gisella, moglie di S. Stefano re di Ungheria, aiutò il marito nel diffondere la fede, e dopo la sua morte , spogliata di tutti i suoi averi, si ritirò in questo monastero dove in seguito divenne badessa.

A Kiev i Russia S. Antonio Eremita, i quale seguì la vita monastica , che aveva appreso al monte Athos, nella laura chiamata delle grotte.

A Cremona in Lombardia il B. Alberto Da Bergamo, agricoltore , il quale rimproverato dalla moglie per la sua prodigalità verso i poveri sopportava pazientemente, e infine abbandonati i campi visse povero come frate di Penitenza di S. Domenico.

A Roma la B. Rosa Venerini, vergine, di Viterbo, la quale per prima in  Italia con le Maestre Pie aprì le scuole per l’istruzione delle fanciulle.

A Genova S. Agostino Roscelli, sacerdote, il quale fondò per l’istruzione delle fanciulle la Congregazione delle Suore dell’Immacolata Concezione della B.V.Maria.

Nel campo di sterminio di Auschwitz presso Cracovia in Polonia il B. Antonio Bajewski, sacerdote dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali e martire, il quale durante la guerra, torturato in carcere per la fede in Cristo conseguì la gloria del martirio.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
8 Maggio

 

 A Milano  la commemorazione di S. Vittore ,martire, di origine africana,mentre era soldato nelle milizie imperiali, obbligato da Massimiano a sacrificare agli idoli, abbandonò le armi piegò il collo e  venne ucciso con la spada.

A Bisanzio S. Acacio soldato, martire

Ad Auxerre in Francia S. Elladio, vescovo.

Presso il monte Scetim In Egitto S. Arsenio,che si dice sia stato diacono della Chiesa di Roma,il quale al tempo dell’imperatore Teodosio si ritirò in solitudine e ivi praticate tutte le virtù rese l’anima a Dio.

In Francia  S Gibriano,sacerdote pellegrino per Cristo dall’Irlanda attraverso la Francia.

A Bourges in Aquitania S. Desiderato,  il quale prima detentore del sigillo del re, fu poi vescovo di questa città. Arricchì la sua chiesa delle reliquie del martiri.

A Roma presso S. Pietro S. Bonifacio IV, Papa, che, richiesto dall’imperatore Foca, dedicò il Pantheon in onore della beata Maria ad Martyres, e molto siimpegnò per la disciplina monastica

Nello stesso luogo  S. Benedetto II, Papa , amante della povertà,umile,mansuetoe si distinse per le elemosine.

A Verona S. Matrone, eremita, che ,come si dice, condusse una vita dura e di penitenza.

A Roermond in Olanda S.Wiro, il quale si dice che, insieme ai compagni Plechelmo e Odgero , si dedicò alla evangelizzazione di questa regione.

A Saludecio in Romagna il B. Amato Ronconi ,si distinse per l’ospitalità e per la cura dei i pellegrini .

Nel monastero di S. Maria della Serra nel Piceno il B. Angelo di Masaccio, sacerdote camaldolese e martire strenuo difensore della   domenica giorno del Signore.

A Randazzo in Sicilia il B. Luigi Rabata, sacerdote carmelitano, fedelissimo alla regola e di grande carità verso i nemici.

- In Canada, la  B. Maria Caterina di S. Agostino Symon de Longprey.vergine, delle Suore Ospedaliere della Misericordia, dell’Ordine di S. Agostino, dedita alla cura degli infermi, li confortava e dava loro speranza.

Nel villaggio di Hegne in Germania la B.  Ulrica Nisch, vergine delle Suore della Carità della S. Croce.   Servì il Signore nel lavoro umile, in particolare nell’aiutare la cuoca, e nella malattia. 

Torna all’ inizio della pagina

 
 
9 Maggio

 

La commemorazione di S. Isaia , profeta, il quale al tempo di Ozia, Ioatham,Achaz ed Ezechia, re di Giuda, fu mandato per rivelare al popolo infedele e peccatore,il Signore fedele e salvatore, che mantiene le sue promesse fatte e giurate a Davide. Presso i Giudei si dice che fu ucciso sotto il re Manasse.

La commemorazione  di S. Erma, ricordato dal S. Paolo nella Lettera ai Romani.

In Egitto, S. Pacomio abate. Nato da genitori pagani, si convertì a Cristo Gesù a vent’anni per aver assistito ad un gesto di carità compiuto da alcuni cristiani. Ricevette l’abito monastico dall’anacoreta Palemone e , dopo sette anni per ispirazione divina edificò molti cenobi e scrisse la regola per i monaci.

In Persia i santi trecentodieci martiri.

A Vienne in Francia S. Dionisio , vescovo.

A Cagli, sulla via Flaminia, il martirio di S. Geronzio, vescovo di Cervia, il quale ritornando dal sinodo celebrato a Roma, fu ucciso ,secondo la tradizione, in quel luogo .

. Nel castello di Vendôme, in Francia, S. Beato, sacerdote, il quale condusse una vita da eremita.

Nel monastero camaldolese di Fonte Avellana nelle Marche, il B. Forte Gabrielli, eremita.

A Londra in Inghilterra il B. Tommaso Pickering, martire, monaco dell’Ordine di S. Benedetto, il quale ,uomo semplice e di vita innocente,accusato falsamente di aver congiurato contro il re Carlo secondo, con animo sereno andò al patibolo.

Nella città di Nam-Dinh in Tonchino, S. Giuseppe Do Quang Hien, sacerdote dell’ordine dei Predicatori e martire, messo in carcere converti i pagani a Cristo e confortò i cristiani nella fede, in fine per decreto dell’imperatore Tieu Tri gli venne tagliata la testa.

. In Baviera, la B. Maria Teresa di Gesù Gerhardinger, vergine. Fondò la famiglia religiosa delle Povere Serve Scolastiche di Nostra Signora.

Presso Dachau in Germania, il B. Stefano Grelewski, sacerdote e martire, il quale, dalla Polonia occupata militarmente, fu portato in carcere dai persecutori della Chiesa e sfinito dai tormenti conseguì la corona del martirio.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
10 Maggio

 

La commemorazione del santo Giobbe, uomo di grandissima pazienza in terra di Hus

A Smirne S. Dioscòride martire.

A Lentini, in Sicilia, i Ss. Alfio, Filadèlfo e Cirino martiri.

A Roma  sulla via latina S. Gordiano martire, il quale fu sepolto nelle cripta dove prima erano venerate le reliquie di S. Epìmaco, martire.

Nello stesso luogo, la commemorazione dei S.Quarto e Quinto, martiri.

In Irlanda S. Comgall, abate , che fondò il celebre monastero di Bangor e padre sapiente e guida prudente suscitò un schiera di monaci.

A Taranto S. Cataldo, vescovo e pellegrino, che si dice venisse dalla Scozia.

A Bourges in Francia S. Solangia, vergine, che per conservare la sua verginità , si dice che abbia affrontato il martirio.

A Parigi In Francia S. Guglielmo, sacerdote, i quale ,originario dell’Inghilterra, fatto parroco si distinse per lo zelo delle anime e per l’amore alla pietà.

A Pavia la B. Beatrice Estense, vergine, che fondò sui colli Euganei un cenobio e nel breve spazio della sua vita percorse un arduo cammino di santità.

A Siena In Toscana il B. Nicola Albergato, vescovo di Bologna, che entrò da giovane nell’Ordine dei Certosini e ordinato vescovo si distinse per lo zelo pastorale e  quale legato apostolico della Chiesa.

In Spagna, S. Giovanni d’Avila, sacerdote, apostolo dell’Andalusia, la cui dottrina è incentrata sull’imitazione di Gesù. Accusato ingiustamente di eresia fu messo in carcere, dove scrisse la maggior parte della sua dottrina spirituale.

A Cremona il B. Enrico Rebuschini, sacerdote dell’Ordine dei Chierici Regolari Ministri degli Infermi, il quale servì con semplicità i malati negli ospedali.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
11 Maggio

 

  A Bisacena in Libia S. Maiolo di Adrumeto,martire, condannato alle fiere.

Sulla via salaria al  22 miglio dalla città di Roma S. Antimo, martire.

A Bisanzio  S. Mucio, sacerdote e martire.

A Vienne, in Francia, S. Mamerto vescovo. Per l’imminenza di una strage istituì le Litanie solenni nei tre giorni prima dell’Ascensione del Signore, rito che fu poi accolto dalla Chiesa universale.

A Varennes in Francia S. Gengolgo.( patrono dei malmaritati).

A Souvigny, in Francia, S. Maiòlo, abate di Cluny, il quale fermo nella fede, certo nella speranza, pieno di carità rinnovò in Francia e in Italia numerosi monasteri.

Nel Monastero di Lesterps in Francia S. Gualtiero, sacerdote, il quale, rettore dei canonici, istruito nel servizio di Dio fin da piccolo, si distinse per la mansuetudine verso i fratelli e la carità verso i poveri.

A Verucchio in Romagna il B. Gregorio Celli,  sacerdote dell’Ordine degli Eremiti di S. Agostino, il quale , cacciato dai frati dal monastero,si dice che sia morto sul monte Carnerio (a Rieti)  presso i Frati Minori.

Il Inghilterra i B Martiri Giovanni Rochester e Giacobbe Walworth, sacerdoti e monaci della certosa di Londra, i quali sotto il re Enrico Ottavo per aver conservata la fede nella Vera Chiesa, furono sospesi ai merli delle mura della città fino alla morte.

A Napoli S. Francesco di Di Girolamo, sacerdote della Compagnia di Gesù, il quale per lungo tempo di dedicò alle missioni popolari e alla cura degli abbandonati.

A Cagliari S. Ignazio da Làconi, religioso, dell’Ordine dei Minori Cappuccini, il quale senza stancarsi  si raccomandava alla gente  per le piazze della città e nelle osterie del porto perchè venisse incontro alle necessità dei poveri .

A Saigon in Cocincina S. Matteo  Le Va Gam, martire, il quale avendo introdotto nella sua regione  i missionari europei, fu arrestato e dopo un anno di carcere, fu decollato per decreto dell’imperatore Thieu Tri.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
12 Maggio

 

I Santi Nereo e Achilleo, martiri, i quali, come racconta il Papa S. Damaso, erano militari e spinti dal timore erano pronti ad obbedire ai comandi scellerati del magistrato, ma convertitisi a Dio, lasciarono gli scudi, le falere e gettando le armi abbandonarono l’accampamento e, confessando la fede in Cristo furono associati al suo trionfo nella gloria .I loro corpi in questo giorno furono sepolti a Roma nel cimitero di Domitilla sulla via Ardeatina.

 S. Pancrazio, martire il quale ancora ragazzo, si dice morisse per Cristo a Roma sulla via Aurelia al secondo miglio. Il Papa Simmaco costruì una celebre basilica sul suo sepolcro e il Papa Gregorio Magno vi convocò spesso il popolo, affinché di li tutti potessero imparare la vera testimonianza dell’amore cristiano.Oggi si ricorda la loro deposizione. S. Pancrazio è invocato come protettore dei fanciulli.

Ad Axiopolis in Bulgaria S. Cirillo, che ricevette il martirio con altri sei compagni

 A Salamina in Cipro S. Epifanio vescovo, il quale fu studioso e profondo conoscitore delle sacre lettere, uomo di grande santità di vita, zelante nella fede cattolica, pieno di carità verso i poveri e mirabile nel dono dei miracoli.

In Sicilia S. Filippo sacerdote, oriundo delle Tracia

A Treviri, in Renania S. Modoaldo vescovo, costruì  chiese e monasteri provvedendoli di tutto, istituì più gruppi di vergini e fu sepolto accanto alla sorella Severa.

A Marchiennes in Fiandra S. Rictrude, abbadessa, la quale dopo la violenta morte del marito Adalbaldo, consigliata da S. Amando si fece monaca e diresse il convento con rettitudine.

A Costantinopoli, S. Germano vescovo, insigne per dottrina e virtù Riprese Leone Isaurico per il suo editto contro le sacre immagini.

In Navarra in Spagna , in un luogo che poi prese il suo nome, S. Domenico della Calzada, sacerdote, che costruì ponti e vie per i pellegrini di S. Giacomo De Compostella e pure delle celle e un ospizio dove egli gli ospitava e provvedeva alle loro necessità.

A Bologna la B. Imelde Lambertini, vergine, la quale , fin da piccola fu ricevuta fra le monache dell’Ordine dei Predicatori,diventata giovanetta , dopo aver ricevuto la SS Eucaristia, immediatamente morì.

Ad Averiro in Portogallo, la B. Giovanna,vergine, figlia del re Alfonso quinto. Rifiutate le nozze per più volte, volle piuttosto servire Dion ell’Ordine dei Predicatori divenendo rifugio dei poveri , degli orfani,delle vedove.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
13 Maggio

 

In Portogallo la B. Vergine Maria di Fatima. La  contemplazione di questa clementissima madre in ordine alla grazia presso Aljustrel, sempre preoccupata per la sorte degli uomini , raduna folle di   cristiani  in preghiera per i peccatori e per la conversione dei cuori.

Ad Alessandria la commemorazione di moltissimi santi martiri uccisi dagli Ariani nella chiesa di Teona al tempo del vescovo ariano Lucio

A Utrecht,  S. Servazio, vescovo della chiesa di Tongres, il quale in molti concilii dove si disputava della Natura di Cristo combattè per la fede ortodossa professata a Nicea.

A Poitiers in Francia S. Agnese, abbadessa , governò il monastero di S Croce, dopo aver ricevuto la benedizione consacratoria di S. Germano di Parigi.

Presso Goriano Sicoli in Abruzzo la B. Gemma , vergine, la quale visse in una piccola cella vicino alla chiesa da dove vedeva solo l’altare.

A Como la B. Maddalena Albrici, abbadessa dell’Ordine di S. Agostino, la quale infervorava le consorelle nella vita religiosa.

Nella diocesi di Poitiers, S. Andrea Uberto Fournet, sacerdote, il quale, essendo parroco al tempo della rivoluzione francese, benché proscritto dal regime, rinvigoriva i fedeli nella fede, in seguito ritornata la libertà per la Chiesa  fondò, con S. Elisabetta Bichier des Ages, l’Istituto delle Figlie della Croce.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
14 Maggio

 

Festa di S. Mattia Apostolo, il quale seguì il Signore Gesù dal battesimo di Giovanni fino al giorno in cui Cristo fu assunto in cielo, per la qual cosa dopo l’Ascensione del Signore dagli Apostoli fu messo al posto di Giuda e aggiunto ai dodici affinché fosse anche lui testimone della resurrezione.

In Asia S. Massimo, martire, il quale secondo la tradizione, al tempo della persecuzione di Decio imperatore, fu lapidato è così sere lo spirito a Dio.

 In Francia, S. Ponzio, martire.

In Siria i Ss. Vittore e Corona,martiri , i quali subirono insieme il martirio.

Nell’isola di Chio S. Isidoro, martire che secondo la tradizione fu gettato in un pozzo.

Ad Aquileia in Veneto i Santi Felice e Fortunato, che onorarono la loro città con il martirio.

In Sardegna le Ss. martiri Giusta ed Enedina.

Ad Arvernia in  Aquitania S. Apruncolo , vescovo, il quale cacciato dalla sede di Langres da Gundebaldo, re dei Burgundi, venuto presso gli Arverni guidò la loro Chiesa.

Nello stesso luogo S. Gallo , vescovo, uomo umile e mite, zio paterno di S. Gregoriano di Tours.

A Lismore in Spagna S. Cartaco, vescovo e abate.

Nel monastero di Fontanelle in Neustria S. Eremberto, vescovo di Tolosa, visse seguendo la regola monastica.

In Portogallo il B. Egidio da Vauzela, sacerdote, il quale studiò  medicina a Parigi, abbandono in seguito la sua vita dissoluta per entrare nell’Ordine dei Predicatori e respinse tutte le tentazioni con le lacrime la preghiera e l’astinenza.

Nella cittadina di Saint Mary of the Words presso Indianopoli negli Stati Uniti la B. Teodora Guerrin, vergine della Congregazione delle Suore della Provvidenza, la quale, di origine francese, benché fra tante difficoltà confidando nella Provvidenza con grande bontà si preoccupò della nascente comunità del luogo.

In Francia, S. Michele Garicoits, sacerdote, fondatore dei Preti del Sacro Cuore di Gesù di Bétharram presso i monti Pirenei.

Presso Monferrato il Piemonte S. Maria Domenica Mazzarello, la quale con S. Giovanni Bosco fondò l’istituto di Maria Ausiliatrice per l’educazione delle fanciulle povere. Fu di grande carità , prudenza e umiltà.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
15 Maggio

 

A Lampasco, in Grecia, i santi Pietro, Andrea, Paolo e Dionìsia, martiri.

Ad Auvergne, in Francia, i Ss. martiri Cassio e Vittorino, martiri, che si dice abbiano subito il martirio sotto Croco duce degli Alemanni.

I Sardegna S. Simplicio , sacerdote.

A Larissa in Tessalia S. Achilleo, taumaturgo,vescovo, che fu presente al Concilio Niceno Primo.Pieno di zelo e ricco di tutte le virtù evangelizzò i popoli pagani.

A Autun in Francia S Reticio, vescovo , ricordato da S. Agostino come vescovo di grande autorità nella Chiesa e S. Girolamo lo dice egregio narratore della S. Scrittura.

In Etiopia S. Caleb o Elesbaan re, il quale, per vendicare i martiri Negri di Cristo sconfisse i suoi nemici e al tempo di Giustino imperatore,abbandonato il diadema regale, come aveva promesso, visse da eremita a Gerusalemme fino alla morte.

A S. Severino nelle Marche S. Severino , vescovo, dal quale prese poi il nome la città.

A Binge presso il fiume Reno  nelle vicinanze di Magonza, S. Ruperto, il quale ,andato da giovane  a visitare le tombe degli Apostoli, ritornato in patria costruì molte chiese, morì a 19 anni.

Presso Cordova in Spagna la commemorazione di S. Witesindo, martire , il quale per paura dei Mori abbandonò la fede cristiana, ma avendo rifiutato di esercitare in pubblico il loro culto, fu ucciso in odio alla fede cristiana.

In Spagna S. Isidoro , agricoltore, che, insieme alla moglie beata Turibia, , fu instancabile nel lavoro dei campi e più preoccupato di raccogliere i frutti celesti che quelli terreni , diventò un esempio per gli agricoltori cristiani.

A Saint Maxim in Provenza il B. Adrea Abellon sacerdote dell’Ordine dei Predicatori, il quale promosse energicamente le disciplina regolare nei cenobii, che  governò più con  la pazienza e il buon esempio che con le maniere forti.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
16 Maggio

 

In Africa  la commemorazione  dei santi Felice e Gennadio, martiri.

A Osimo Nelle Marche i santi Fiorenzo e Diocleziano , martiri.

In Persia i santi martiri Abdo ed Ebediesu ,vescovi i quali furono uccisi con 38 compagni sotto il re Sapore secondo.

Ad Auxerre In Francia S. Pellegrino martire , che è venerato come primo vescovo di questa città.

La commemorazione di S. Possidio, vescovo di Calama in Numidia, che fu discepolo e amico fedele di S. Agostino, fu presente alla sua morte e ne scrisse la vita.

 A Gaul in Francia S. Fidolo, sacerdote, che, si racconta, fu preso dal re Teodorico nell’invasione degli Arverni, ma liberato da S. Aventino abate e introdotto al servizio di Dio successe a lui nella guida del monastero.

In Irlanda S. Brandano, abate di Clonfert, zelante propagatore della vita monastica, di lui si narra di una celebre e favolosa navigazione.

In Neustria S. Onorato , vescovo.

In Britannia S. Carantoco , vscovo e abate di Cardigan in Galles, originario dell’Irlanda.

In Palestina la passione dei santi 44 monaci Monaci uccisi dai Saraceni nella laura di S. Saba al tempo dell’imperatore Eraclio.

A Tolosa S. Germerio, vescovo, che volle ampliare il culto di S. Saturnino e visitare il popolo a lui affidato.

A Gubbio S. Ubaldo, vescovo, che si adoperò per la vita comune del clero.

A Fermo S. Adamo, abate del monastero di S. Sabino.

A Bordeaux in Francia S. Simone Stok, sacerdote , divenne prima eremita in Inghilterra, poi entrò nell’Ordine dei Carmelitani che guidò mirabilmente. Fu celebre per la devozione alla Vergine Maria.

In Polonia  S. Andrea Bobola, sacerdote della Compagnia di Gesù e martire, si adoperò per l’unione dei cristiani, arrestato dai soldati diede la sua testimonianza di fede con l’effusione del sangue.

Presso Monaco in Germania il B. Michele Wozniak, sacerdote e martire, dalla Polonia, dominata da un regime contrario alla dignità umana e alla religione, portato nel campo di sterminio di Dachau e  torturato raggiunse la gloria del cielo.

Nella città di Drohobych in Ucraina, il B Vitale Vladimiro Bajrak, sacerdote dell’Ordine di S. Giosafat e martire, il quale davanti ai persecutori combattè per la fede e così raccolse il frutto della vita eterna.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
17 Maggio

 

Ad Alessandria in Egitto S. Adrione, martire.

A Roma sulla via Salaria nel cimitero di Balilla S. Vittore , martire

A Nayon (Francia) i Santi Eràdio e Paolo martiri.

 In Africa S. Restituta, vergine e martire.

 A Villa Reale presso Velenzia in Spagna, S. Pasquale Baylon, religioso dell’Ordine dei Frati Minori, il quale, presentandosi sempre premuroso e paziente, coltivò un grande amore verso la Santissima  Eucaristia .

In Cina S. Pietro Liu Wenyuan, martire e catechista, il quale per il nome di Gesù fu strangolato.

Nella città di Orgosolo in Sardegna, la B. Antonia Mesina, vergine e martire. Giovane dell’Azione Cattolica, fu uccisa per la difesa della propria purezza, all’età di 16 anni.

Nel campo di concentramento della città di Oserlag in Russia il B. Ivano Ziatyk, sacerdote della Congregazione del Santissimo Redentore e martire, il quale al tempo della persecuzione contro la fede, meritò di sedere al convito celeste dei giusti.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
18 Maggio

 

S.Giovanni I, Papa e martire. Costretto dal re ariano Teodorico a recarsi a Costantinopoli presso l’imperatore Giustino, fu il primo tra i Romani Pontefici ad offrire in quella chiesa la corona pasquale. Tornato di là, dallo stesso re Teodorico venne accolto indegnamente e fu imprigionato a Ravenna, dove morì.

 In Dalmazia S. Felice, martire nella persecuzione di Diocleziano imperatore.

In  Egitto S. Dioscuro, il quale , figlio di un lettore, dopo molti e vari tormenti fu martirizzato con il taglio della testa.

Ad Alessandria ugualmente in Egitto i santi compagni martiri Potamone, Ortasio e Serapione, sacerdoti. 

Ad Ankara i santi martiri  Teòdoto e Tecusa, sua zia, Alessandra, Claudia, Faìna, Eufrasia, Matrona e Giulitta, vergini. Esse, dal preside esposte in un luogo infame, rimasero intatte; furono poi sommerse in una palude con sassi legati al collo.

In Svizzera il B Burcardo, sacerdote, il quale , parroco del villaggio di Beinwile. esercitò la sua cura pastorale con grande impegno verso il gregge a lui affidato.

 A Uppsala in Svezia S. Erìco nono, re e martire il quale governò sapientemente il suo popolo , difese i diritti delle donne e mandò in Finlandia il vescovo  S. Enrico per diffondere la fede in Cristo , infine mentre assisteva alla celebrazione della Messa morì pugnalato dai suoi nemici.

A Villamagna  presso Firenze la commemorazione del B Gherardo Mecatti, il quale, aggregato all’Ordine di S. Giovanni di Gerusalemme, per amore di Cristo si dedicò all’accoglienza dei pellegrini e all’assistenza degli infermi, ritornato in patria condusse una vita da ancacoreta.

A Tolosa il B. Guglielmo, sacerdote dell’Ordine degli Eremiti di S. Agostino.

A Roma S. Felice da Cantalice, religioso dei Frati Minori Cappuccini di grande semplicità e di vita austera, per 40 anni fece la questua seminando ovunque pace e amore.

A Düppenweiler in Germania la B. Blandina Merten, vergine dell’Ordine di S. Orsola, la quale seppe ben armonizzare l’attenzione alle istituzioni umane e cristiane per le fanciulle e gli adolescenti con la vita contemplativa.

Nel campo di concentramento di Dachau presso Monaco di Baviera in Germania il B. Stanislao Kubski, sacerdote e martire, il quale in tempo di guerra, chiuso nella camera a gas rese lo spirito  a Dio.

Nella città di Hartheim in Austria il B. Martino Oprzadek, sacerdote dell’Ordine dei Frati Minori e martire, di nazione polacca, nello stesso tempo e nello stesso modoguadagno il regno celeste.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
19 Maggio

 

A Roma nel cimitero di Callisto sulla via Appia S. Urbano primo , papa, il quale dopo il martirio di S. Callisto, resse fedelmente la Chiesa romana per sette anni.

Nello stesso luogo i santi Parteno e Calogero, martiri, i quali sotto l’imperatore Diocleziano, diedero una grande testimonia a Cristo.

Ad Arras in Gallia S. Adolfo , vescovo.

In Inghilterra S. Dunstano, vescovo, il quale, abate a Glastonbury restaurò e propagò la vita monastica, in seguito nelle sede episcopale di Vorcester, poi di Londra infine di Canterbury, lavorò per promuovere la concordia tra i monaci e le monache.

A Firenze S. Umiliana, del Terzo Ordine di S. Francesco, la quale, trattata duramente dal marito sopportò con pazienza e mansuetudine, divenuta vedova si dedicò totalmente alla preghiera e alle opere di carità.

Ad Alatri nel Lazio il natale di san  Pietro Celestino, il quale, avendo praticato la vita eremitica in Abruzzo, per la sua santità e la fama dei miracoli a 80 anni fu eletto Romano Pontefice e assunse il nome di Celestino Quinto, ma nello stesso anno lasciò il pontificato e si ritirò in solitudine.

 A Louannec in Francia S. Ivo, prete, il quale cercò la giustizia senza far preferenze di persone, favorì la concordia difese le cause dei piccoli, delle vedove e dei poveri per amore di Cristo e ospitava nella sua casa i bisognosi.

A Siena  in Toscana il B. Agostino Novelli, sacerdote dell’Ordine degli Eremiti di S. Agostino, di grande umiltà e osservante della regola religiosa.

In Giappone il B. Giovanni da S. Domenico Martinez, sacerdote dell’Ordine dei Predicatori morì in carcere per Cristo.

A Londra il B. Pietro Wright, sacerdote e martire, professò la fede della Chiesa Cattolica, fu ammesso nella Compagnia di Gesù e agli ordini sacri e perché sacerdote fu condotto al patibolo.

In Toscana S. Teofilo de Corte, sacerdote dell’Ordine dei Frati Minori, il quale molto diffuse i ritiri spirituali dei Frati dimostrando una grande devozione alla passione di Gesù e alla Vergine Maria.

A Roma S. Crispino da Viterbo, religioso dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini, il quale mentre viaggiava per i sentieri  montani per fare la questua  ne approfittava per trasmettere i primi elementi della fede ai contadini.

In Francia  il B. Giovanni Battista Saverio Loir , sacerdote dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini e martire, il quale al tempo della rivoluzione francese, perché sacerdote quasi ottantenne fu detenuto sulla nave degli schiavi e fu trovato morto con le ginocchia piegate.

In Columbia la B. Maria Bernarda Butler, vergine , la quale , di origine svizzera, fondò la Congregazione delle Suore Francescane di Maria Ausiliatrice.

Nel Campo di concentramento di Dachau presso Monaco di Baviera, il B. Giuseppe Czempiel, sacerdote e martire, di origine polacca, morì nelle camere a gas e così fu  unito al sacrificio di Cristo.

A Fucècchio, in Toscana, S. Teòfilo da Corte, confessore, sacerdote dell’Ordine dei Frati Minori, propagatore degli esercizi spirituali. Nacque nel 1676 e morì nel 1740. SCG - 1750.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
20 Maggio

 

S. Bernardino da Siena, sacerdote dell’Ordine dei Minori, il quale con la parola e con l’esempio per villaggi e città evangelizzò le folle e diffuse la devozione al ss.Nome di Gesù. Senza stancarsi esercitò l’ufficio di predicatore con gran frutto delle anime fino alla morte che avvenne nella città dell’Aquila in Abruzzo.

La commemorazione di S. Lidia di Tiatira commerciante di porpora, la quale A Filippi in Macedonia ascoltando la predicazione dell’Apostolo Paolo per prima credette al vangelo.

A Ostia S. Aura  martire.

A Nimes  in Francia S. Bandeulio, martire.

A Egea in Cilicia  S. Talleleo, martire.

In Sardegna S. Lucifero , vescovo intrepido difensore della fede nicena, dovette sopportare molte sofferenze dall’imperatore Costanzo. Fu mandato in esilio , ma ritornato alla sua sede, morì confessando Cristo.

A Tolosa S. Ilario , vescovo, il quale sul sepolcro di S. Saturnino , suo predecessore , costruì una piccola basilica di legno.

Presso Bourges S.Austregìsilo, vescovo, il quale esercitò il ministero della carità specialmente  verso i poveri, gli orfani,gli infermi e i   condannati alla decapitazione.

A Brescia S. Atanasio vescovo

A Pavia S. Teodoro vescovo, il quale durante l’infierire della guerra  fra i Franchi e i Longobardi, subì l’esilio

In Toscana il B Guido della Gherardesca, eremita.

A Perugia  la B. Colomba, vergine penitente di S. Domenico, che cercò di pacificare le varie fazioni della città fra loro divise.

A Seul in Corea S. Protasio Chong Kuk-bo, martire, il quale avendo prima lasciata le fede cristiana  in seguito la riabbracciò e la professò fra i tormenti del carcere fino alla morte.

Nel Villaggio di Botticino Sera presso Brescia il B. Arcangelo Tadini, sacerdote, il quale si impegnò  nel difendere i diritti e la dignità dei lavoratori, fondò la Congregazione delle Suore Operaie della Santa Casa di Nazaret , che principalmente di dedicò ai problemi sociali.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
21 Maggio

 

S. Cristoforo Magallano sacerdote e altri compagni , martiri, i quali perseguitati dalle varie autorità messicane perché cristiani  cattolici e avendo professato la fede in Cristo Re, conseguirono la corona del martirio.

Nella Mauritania Cesariense  S. Timoteo, diacono e martire.

A Cesarea in Cappadocia S. Polieuto, martire.

Ad Alessandria i Egitto la commemorazione dei Santi Martiri di ambo i sessi, che nei giorni di Pentecoste sotto Costanzo imperatore furono fatti uccidere dal vescovo ariano Giorgio o mandati in esilio.

A  Vannes in Francia S. Paterno, vescovo, che si dice sia stato ordinato vescovo in questo giorno  da S. Perpetuo di Tours in un concilio provinciale ivi radunato.

A Nizza S. Ospizio, recluso, uomo di grande penitenza, che predisse la venuta dei Longobardi.

Ad Ebora in Portogallo S. Mancio, martire.

A Vienne in Burgundia, S. Teobaldo, vescovo, il quale per 44 illuminò con il suo esempio quella sede, eminente per carità e pietà.

Ad Abo in Svezia S. Hemming, vescovo, il quale pieno di zelo pastorale, instaurò la disciplina Ecclesiastica, stabilì le regole per le ordinazioni, favorì lo studio dei chierici, volle oggetti preziosi per il culto divino  promosse la pace fra i popoli.

A Rochefort in Francia il B. Giovanni Mopinot dei Fratelli delle Scuole Cristiane e martire, il quale al tempo della rivoluzione francese, perché religioso, fu  tenuto prigioniero in una vecchia barcaccia sul mare, dove ammalatosi morì.

. In Francia, il B. Carlo Giuseppe Eugenio De Mazenod, vescovo, fondatore degli Oblati di Maria Immacolata, sorti per l’evangelizzazione dei contadini e la predicazione delle missioni al popolo.Per circa 25 anni governò quella chiesa con le virtù , i sermoni e gli scritti.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
22 Maggio
 

SS. Casto ed Emilio
In Africa, ricordo dei SS. Casto ed Emilio, martiri, che portarono a termine nel fuoco la loro passione. 

S. Basilisco
A Comana nel Ponto, ricordo di S. Basilisco, vescovo e martire.

S. Giulia
Sull’isola di Corsica, ricordo di S. Giulia, vergine e martire.

S. Quiteria
Ad Aire-Sur-Adour in Francia, ricordo di S. Quiteria, vergine e martire.

B. Giovanni Forest
A Londra in Inghilterra, ricordo del B. Giovanni Forest, presbitero dell’Ordine dei Frati Minori e martire, che, sotto Enrico VIII, per aver difeso l’unità della Chiesa Cattolica, consumò il suo martirio nella piazza di Smithfield, bruciato vivo assieme ad immagini sacre cattoliche.

BB. Pietro da Asuncion e Giovanni Battista Machado
A Kori in Giappone, ricordo dei BB. Pietro da Asuncion, dell’ Ordine dei Frati Minori, e Giovanni Battista Machado, presbiteri e martiri, che, avendo esercitato clandestinamente il loro ministero, furono decapitati in odio alla religione cristiana.

B. Mattia de Arima
A Omura in Giappone, ricordo del B. Mattia de Arima, martire, che, catechista, non avendo voluto tradire un altro missionario, fu torturato per questo fino alla morte.

S. Michele Ho Dinh Hy
Nella regione di Annam, in Viet-Nam, ricordo di S. Michele Ho Dinh Hy, martire, che, mandarino, ufficiale dell’imperatore e catechista, fu denunciato come cristiano e per questo decapitato dopo atroci torture.

S. Domenico Ngon
Nella città di An-Xa nel Tonchino, ricordo di S. Domenico Ngon, martire, che, padre di famiglia e contadino, sollecitato dai soldati a calpestare la croce, si rifiutò di farlo e invece l’adorò; essendosi quindi senza paura professato cristiano dinanzi al giudice, fu per questo immediatamente decapitato.

 

 
23 Maggio

 

A Cartagine i Santi Lucio ,Montano, Giuliano,  Vittorico, Vittorio e Donaziano, martiri, i quali per la religione e la fede , che avevano appreso da S. Cipriano, furono martirizzati sotto Valeriano imperatore.

In Cappadocia la commemorazione dei Santi  martiri che furono uccisi, dopo esser loro state spezzate le gambe, al tempo di Massimiano Galerio.

Ugualmente la commemorazione  dei Santi Martiri che nello stesso tempo in Mesopotamia, furono appesi col capo all’ingiù, soffocati col fumo e arsi a fuoco lento.

A Langres, in Francia, il martirio di S. Desiderio vescovo. Vedendo che il suo popolo era straziato dall’esercito dei Vandali, si presentò al loro re per supplicare di avere pietà. Il re ordinò che lo scannassero; egli volentieri si offrì per il gregge a lui affidato.

 A Napoli S. Eufèbio vescovo, il quale governo il suo popolo santamente e fedelmente.

A Norcia i S. Eutichio, abate il quale , come narra il Papa S. Gregorio Magno, per primo condusse una vita solitaria con San  Fiorenzo, molta gente condusse a Dio e guidò santamente il vicino monastero.

Ugualmente a Norcia Santo Spes, abate, il quale sopportò con pazienza la cecità per 40 anni.

Presso Subiaco nel Lazio la commemorazione di S. Onorato,abate, il quale governò il convento che prima era stato diretto da  S. Benedetto.

A Nizza S. Siagrio, vescovo, il quale costruì un monastero sulla tomba si s. Ponzio.

A Sìnnada in Frigia, S. Michele vescovo, uomo di pace favorì la concordia fra i Greci e i latini,fu mandato in esilio per il culto delle sacre Immagini e morì lontano dalla patria.

A Gembloux in Francia la deposizione di S. Guiberto, monaco, il quale abbandonata la vita militare e abbracciata la vita monastica, costruì un cenobio su un fondo di sua proprietà, egli  stesso poi visse  la vita religiosa a Gorbie.

 A Roma S. Giovanni Battista De Rossi, sacerdote, svolse il proprio ministero con straordinaria dedizione e amore soprattutto a vantaggio dei poveri, dei malati, dei carcerati. Ad essi insegnava la sacra dottrina.

Nella città di Witowo in Polonia i B. Giuseppe Kurzawa e Vincenzo Matuszewski, sacerdoti e martiri, i quali, al tempo dell’occupazione da parte di una potenza straniera della loro patria, furono uccisi dai persecutori della Chiesa.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
24 Maggio

 

La commemorazione di S. Mànaen, fratello di Erode Tetrarca, fu nella chiesa di Antiochia  Dottore e Profeta del Nuovo Testamento.

Ugualmente la  commemorazione della B. Giovanna, moglie di Cusa, procuratore di Erode, la quale con altre donne serviva Gesù e gli Apostoli con i propri mezzi e il giorno della resurrezione del Signore trovò la lapide del sepolcro ribaltata e lo riferì ai discepoli.

Nell’Istria  S. Zoèllo, martire.

A Trieste S. Servilio, martire

 A Nantes in Francia i Ss. fratelli Donaziano e Rogaziano, martiri, dei quali, come si narra, il primo aveva ricevuto il battesimo, l’altro era ancora catecumeno; alla fine del combattimento Donaziano baciando il fratello pregò Dio perché colui che non era stato immerso nel sacro lavacro battesimale meritasse di essere purificato dal sangue .

La commemorazione dei 38 Santi Martiri, i quali al tempo di Diocleziano e Massimiano in Tracia furono decapitati .

A Lerins in Francia S. Vincenzo, sacerdote e monaco, di grande dottrina e santità, si impegnò nel far progredire  le anime nella fede.

In Siria S. Simone Stilita, sacerdote e anacoreta; visse  sopra una colonna conversando con Cristo e gli angeli, dotato di poteri straordinari sui demoni e le forze delle natura.

A Piacenza il B. Filippo Sacerdote dell’Ordine degli eremiti di S. Agostino. Per mortificarsi nella carne indossavauna specie di busto di ferro.

Nel Marocco il B. Giovanni di Prado, sacerdote dell’Ordine dei Frati minori e  martire; mandato in Africa  per recare conforto ai cristiani schiavi dei musulmani, arrestato testimoniò la propria fede in Cristo di fronte al tiranno Mulay al-Walid , per suo ordine  gettato nel fuoco subì il martirio.

A Seul in corea i Santi martiri AgostinoYi Kwang-hon, nella cui casa veniva letta la Sacra Scrittura, Agata Kim Agi , madre di famiglia , ricevette il battesimo in carcere, e sette compagni, i quali insieme vennero decollati perché cristiani.

A S. Giacinto In Canada il B. Ludovico Zefirino Moreau, vescovo, il quale, nelle sue molteplici iniziative pastorali,esortava sempre ad essere in sintonia con la Chiesa.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
25 Maggio

 

S. Beda il Venerabile, sacerdote e dottore della Chiesa, servo di  Cristo dall’età di otto anni, visse sempre nello stesso monastero di Girvin In Inghilterra. Si dedicò allo studio  , alla meditazione  e alla esposizione della S. Scrittura nonché all’osservanza della disciplina monastica e all’esercizio del  canto sacro ogni giorno in chiesa. Ha sempre avuto caro imparare , insegnare e scrivere.

 S. Gregorio VII, Papa , Ildebrando il quale divenne monaco e aiutò i pontefici  del suo tempo nella riforma della Chiesa. Salito alla cattedra di Pietro rivendicò con forza la libertà della Chiesa dal potere secolare , difese la santità del sacerdozio, per la qual cosa fu costretto ad abbandonare Roma, morì in esilio a Salerno in Campania.

S. Maria Maddalena De’ Pazzi, vergine,  dell’Ordine dei Carmelitani, la quale a Firenze condusse una  vita nascosta di preghiera e d’immolazione, per la riforma della Chiesa e arricchita di doni straordinari da Dio si fece guida delle consorelle verso la perfezione.

Il Campania S. Canione , vescovo e martire.

A Milano S. Dionigi vescovo. Per la fede cattolica fu relegato in Cappadocia dall’imperatore ariano Costanzo, li morì con il titolo appropriato di martire.

A Firenze S. Zenobio vescovo - A Troyes in Francia  S. Leone, abate.

In Gran Bretagna S. Adelmo, vescovo , uomo celebre per la  dottrina e gli scritti, abate di Malmesburi, poi ordinato vescovo di Sherborn fra i Sassoni occidentali.

In Spagna S. Gennadio. Da abate fu fatto vescovo di Astorga vicino a Leon. Fu consigliere di re, ma spinto dal desiderio del monastero, rinunciò alla dignità episcopale per vivere il resto della sua vita come monaco in solitudine.

Nelle Marche in Italia il transito del B. Gerio. Visse una vita solitaria e morì durante un  pellegrinaggio.

A Faenza il B.Giacobbe Filippo Bertoni, sacerdote dell’Ordine dei Servi di Maria,famoso per il dono delle lacrime e dell’umiltà.

In Tonchino il Santo MartirePietro DoanVan Van, il quale, catechista e curatore della parrocchia di Bau No, sotto l’imperatore Tu Duc, quasi ottantenne suggellò con il sangue la sua ferma fede.

A Parigi in Francia S. Maddalena Sofia Barat, vergine. Fondò la Società de S. Cuore di Gesù e lavorò molto per l’educazione cristiana delle fanciulle.

In Uganda S. Dionisio Ssebuggwawo, martire, il quale, a 16 anni, avendo affermato , davanti al re Mwanga, di aver insegnato a due servi di corte i principi cristiani, dallo stesso re venne ucciso con la lancia.

In messico i santi Cristoforo Magallano e Agostino Calca, sacerdoti e martiri, i quali nella persecuzione messicana avendo confessato la loro fede in Cristo Re, conseguirono la corona del martirio.

Nel Campo di concentramento di Javas in Moldavia il B. Nicola Cehelskyj, sacerdote e martire, il quale durante la persecuzione contro la religione, superò le torture con la forza della fede.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
26 Maggio

 

La memoria di S. Filippo Neri, prete. Fondò a Roma,  per allontanarei giovani dal male,  l’Oratorio ,dove venivano aiutati ad esercitarsi nel canto e nelle opere di carità e nelle letture spirituali. Esercitò una grande carità verso i poveri. Servì il Signore con evangelica semplicità ,con animo ilare  e grande zelo.

Ugualmente a Roma S. Eleuterio , papa.A lui  i famosi martiri di Lione, mentre erano in prigione , scrissero una nobile lettera di come conservare la pace nella Chiesa.

A Todi in Umbria Santa Felicissima , martire.- Nel territorio di Auxerre in Francia  S. Prisco martire insieme ad altri compagni

. A Canterbury in Inghilterra, la deposizione di S. Agostino, la cui memoria si fa domani.

In Francia la passione di S. Desiderio , vescovo di Vienne, il quale avendo redarguito la regina Brunechilde per le sue nozze incestuose ed altre depravazioni, prima fu mandato in esilio, poi per suo ordine colpito con pietre conseguì la corona del martirio.

Nel monastero di S. Papulo in Francia S. Berengario , monaco.

In Francia S. Lamberto , vescovo .Si preoccupò dei poveri e fu amante della povertà.

A Siena in Toscana il B. Francesco Patrizi, sacerdote dell’Ordine dei Servi di Maria, il quale con grande zelosi dedicò all apredicazione, alla direzione delle anime e al ministero della penitenza.

A Pistoia In Toscana il B. Andrea Franchi, vescovo, il quale priore dell’Ordine dei Predicatori dopo la peste ristabilì nei conventi dell’Ordine di questa regione la vita regolare e nella sua città approvò le Fraternità dei penitenti per favorire la pace e la misericordia.

A Quito in Equador S. Maria Anna  di Gesù de Paredes, vergine . Consacrò la vita a Cristo nel terzo Ordine di S. Francesco e spese le sue forze per venire incontro alle necessità dei poveri indigeni e negri.

In Cina S. Pietro Sans i Jorda, vescovo dell’Ordine dei Predicatori e martire.Preso insieme ad altri sacerdoti e portato in tribunale  fu condannato e sul luogo del supplizio si inginocchiò e ,dette le preghiere, offrì il capo alla scure.

A Seul in Corea, S. Giuseppe Chang Song-jib, martire .Faceva il farmacista e divenuto cristiano venne imprigionato. morì torturato.

Nella città di Dong Hoi i S. Martiri Giovanni Doan Trinh Hoan, sacerdote, e Matteo Nguyen Van Phuong, padre di famiglia e catechista, offriva ospitalità al compagno di martirio e tutti e due insieme per la fede sotto l’imperatore Tu Duc furono torturati e decollati.

In Uganda S. Andrea Kaggwa, martire , capo dei suonatori di timpano del re Mwanga e suo famigliare, convertito a Cristo insegnò  la dottrina del Vangelo ai pagani e ai catecumeni, per questo fu ucciso crudelmente.

Ugualmente in Uganda S. Ponziano Ngondwe, martire . Guardia del corpo del re, durante la persecuzione fu battezzato e subito messo in carcere, mentre veniva condotto al supplizio, fu trafitto con la lancia dal carnefice.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
27 Maggio

 

S. Agostino, vescovo di Canterbury in Inghilterra il quale con altri monaci fu mandato da S. Gregorio Magno ad evangelizzare gli anglosassoni. Fu accolto benevolmente dal re Edilberto, imitando la vita apostolica della chiesa primitiva, convertì alla fede cristiano molti compreso lo stesso re, Costituì molte sedi episcopali. Morì il 26 maggio.

A Doròstoro, nella Misia inferiore, la passione di S.  Giulio, martire. Veterano dell’esercito, fu preso dagli ufficiali e portato davanti al preside Massimo e alla sua presenza disprezzava gli idoli confessando con forza il nome di Cristo, fu punito con la sentenza di morte.

Sulla via Nomentana al 16mo miglio dalla città di Roma S. Restituto , martire.

 Ad Orange, in Francia, S. Eutropio vescovo.

A Würzburg, in Germania, S. Bruno vescovo, il quale restaurò la chiesa cattedrale , riformò il clero e spiegò la Sacra Scrittura al popolo

Nel monastero di  Monte Salvo in  Alvernia S. Gausberto, sacerdote ed eremita. Quel luogo, prima inospitale e orrido,  per la sua opera divenne un ospizio per accogliere i pellegrini.

In Inghilterra i Beati Edmondo Duke e Riccardo Hill, sacerdoti e martiri. Ritornati in patria dal Collegio degli Inglesi di Rems, sotto la regina Elisabetta prima furono impiccati perché sacerdoti.

    A Seul in Corea le sante martiri Barbara Kim, vedova, e Barbara Yi, vergine di 15 anni, messe in carcere per Cristo, morirono di peste.

In Uganda S. Atanasio Bazzekuketta,martire.Appartenente al gruppo dei giovani della casa regia, da poco battezzato, mentre con altri veniva condotto al luogo del supplizio per  la fede in Cristo pregò i carnefici che lo uccidessero subito. Percosso con colpi ricevette al corna del martirio.

Ugualmente in Uganda S. Gonzago Gonza, martire, servo del re, mentre veniva condotto al rogo con i ceppi ai piedi fu trafitto dalle lance dei carnefici.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
28 Maggio

 

 A Corinto S. Elecònide martire. Al tempo dell’imperatore Gordiano sotto il preside Perennio e poi sotto il suo successore Giustino, straziata con vari tormenti, infine fu decapitata.

A Chartres, in Francia, S. Caranno martire.

In Spagna  S. Giusto , vescovo, il quale spiegò allegoricamente il cantico dei cantici e presenziò ai concilii spagnoli.

A Parigi S. Germano , vescovo. Fu prima abate di S. Sinforiano di Autun, eletto poi  alla sede di Parigi, continuò a vivere la vita monastica curando con zelo le anime a lui affidate e ottenendo buoni frutti dal suo apostolato.

Nel monastero di Gellone in Francia, S. Guglielmo, monaco. Fu uomo di grande prestigio alla corte dell’imperatore. Ricevette l’abito monastico da S. Benedetto di Amiane, che divenne la sua guida spirituale.

In Inghilterra il B. Lanfranco, vescovo. Fu monaco a Le-Bec-Hellouin in Normandia dove fondò una celebre scuola, difese la presenza reale del Corpo e del Sangue di Cristo nel SS. Sacramento contro Berengario.Fatto poi vescovo di Canterbury riformò la disciplina della Chiesa.in Inghilterra.

A Pisa in Toscana S. Ubaldesca , vergine. Dall’età di 16 anni fino alla morte , per 55 anni, esercitò le opere di misericordia  nell’ospizio dell’Ordine di S. Giovanni  di Gerusalemme.

A Castel Nuovo in Toscana il B. Ercolano di Plagario, sacerdote dell’Ordine dei minori. Fu un ottimo predicatore, di vita austera. Faceva   di lunghe astinenze ed era famoso  per i miracoli.

A Londra in Inghilterra la B. Margherita Pole, madre di famiglia e martire. Fu contessa di Salisbury e madre del cardinal Reginaldo, sotto il re Enrico ottavo, di cui riprovava il divorzio, nel carcere della Torre morì nel Signore con taglio della testa.

A Firenze la B. Maria Bartolomea Bagnesi, vergine, suora della Penitenza di S. Domenico. Per quasi 45 anni sopportò molti e terribili  dolori.

A Londra  i B. Tommaso Ford, Giovanni Shert e Roberto Johsnon, sacerdoti e martiri. Accusati falsamente di aver congiurato contro la regina Elisabetta prima, condannati a morte insieme furono impiccati.

A Cho Quan in Cocincina S. Paolo Hanh, martire, dimenticati i principi cristiani, comandava un gruppo di furfanti, ma sotto l’imperatore Tu Duc arrestato si dichiarò cristiano e non abbandonò la fede  ne con promesse, ne con la flagellazione, ne  con ferite procurate con tenaglie.Ottenne il martirio con il taglio della testa.

In Germania il B. Ladislao Demski , martire, di origine polacca. Morì in campo di concentramento difendendo la fede cristiana contro coloro che seguivano una dottrina contraria alla dignità umana e alla religione.

In Polonia  il B. Antonio Giuliano Nowowiejski, vescovo. Morì in campo di concentramento distrutto dalla fame e da crudeli torture.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
29 Maggio

 

Ad Antiochia in Siria S. Esichio funzionario di corte, martire, il quale nella persecuzione di Diocleziano imperatore, avendo sentito che chiunque non avesse sacrificato agli idoli avrebbe dovuto lasciare il servizio militare, immediatamente lasciò l’esercito. Per questo motivo gli venne legato un grosso sasso nella mano destra e poi fu  gettato nel fiume

A Treviri in Francia S. Massimino, vescovo, il quale difese l’integrità della fede  contro gli ariani e ricevette onorevolmente S. Atanasio  e altri vescovi esuli per la persecuzione degli Ariani.Cacciato dai suoi nemici dalla sua sede, morì nella sua patria di Poitiers.

Nel territorio di Trento i Ss. martiri Sisinio, diacono, Martirio lettore e Alessandro ostiario; provenienti dalla Cappadocia, costituirono una stazione missionaria nella Valle di Non dove eressero una chiesa e introdussero nella regione i canti per la lode divina. Una violenta reazione dell’ambiente pagano portò all’uccisione dei tre missionari.

A Ravenna S. Esuperanzio, vescovo, il quale guidò con prudenza questa chiesa al tempo in cui  il re Oroacre si impadronì dell’Italia e della città.

A Milano S. Senatore, vescovo, che ancora sacerdote il Papa S. Leone Magno lo mandò come suo legato a Costantinopoli.

A Brou in Francia  S. Gerardo, prima  monaco e poi  eletto vescovo,  tuttavia visse una vita solitaria nella selva.

A Pisa S. Bona, vergine, che spesso pellegrinò con devozione in Terra Santa , a Roma e a S. Giacomo di Compostella.

Presso Tolosa in Francia i Beati Guglielmo Arnaud e 10 compagni, i quali, uniti dal dovere di ostacolare la eresia dei catari,  per la fede in Cristo e la fedeltà alla Chiesa Romana furono arrestati con inganno e uccisi con le spade la notte dell’Ascensione del Signore mentre cantavano “ te Deum laudamus”.

A Pisa  la B. Gherardesca, vedova, che visse in una cella  presso il monastero Camaldolese di S. Savino lodando e conversando con il Signore.

In Inghilterra il B. Riccardo Thirkeld, sacerdote e martire, il quale, sotto la regina Elisabetta prima, perché sacerdote e perché aveva riconciliato molti con la Chiesa Cattolica  fu condannato a morte.

 In Africa: il beato Giuseppe Gerard, sacerdote degli oblati di Maria Immacolata e missionario nel Basùtoland annunciò senza sosta il Vangelo di Cristo.

A Roma la beata Maria Orsola Ledochowska, vergine, fondatrice delle Suore Orsoline del Cuore di Gesù Agonizzante. Affrontò faticosi viaggi attraverso la Polonia , la Scandinavia, la Fillandia e la Russia.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
30 Maggio

 

A Porto Torres, in Sardegna, San Gavìno, martire.

 A Cesarea, in Cappadocia, i Ss. Basilio ed Emmelia sua moglie, genitori dei Santi vescovi Basilio Magno, Gregorio Nisseno e Pietro di Sebàste, e di Santa Macrìna vergine. Questi santi coniugi, mandati in esilio nel Ponto al tempo di Galerio Massimiano, dopo la persecuzione si riposarono in pace, lasciando ai figli l’eredità delle loro virtù.

 A Pavia S. Atanasio vescovo, il quale lasciata l’eresia ariana, fermamente professò la fede cattolica.

A Geel in Belgio S. Dinfna, vergine e martire.

In Belgio il transito di S. Uberto, vescovo di Liegi, il quale, discepolo di S. Lamberto e suo successore, si prodigò con ogni mezzo a diffondere il vangelo e a trasformare i costumi pagani nelle regioni del Brabante   e delle Ardenne..

A Siviglia, in Spagna, S. Ferdinando III, re di Castiglia e di Léon. Fu prudente nel governo, cultore delle arti e delle scienze e zelante nel diffondere la fede.

In Francia, S. Giovanna d’Arco, vergine, chiamata pulzella  d’Orleans, la quale avendo combattuto con coraggio per la patria, tuttavia fu consegnata ai suoi nemici e condannata con una ingiusta sentenza venne bruciata viva.

A Londra S. Luca Kirby, sacerdote   e martire , il quale nella persecuzione della regina Elisabetta prima dopo molte torture fu impiccato. Con lui morirono nello stesso patibolo i beati e sacerdoti e martiri Guglielmo Filby, Lorenzo Johnson e Tommaso Cottam gesuita.

Nello stesso luogo, dopo 30 anni, i beati Guglielmo Scott dell’Ordine di S. benedetto e Riccardo Newport, sacerdoti e martiri, dei quali,  sotto Giacomo primo re, l’uno fu strangolato, l’altro ancora agonizzante fu finito con la spada.

A Kampala in Uganda S. Mattia Kalemba, chiamato Mulumba cioè Forte, martire.Avendo abbandonato il culto maomettano dopo il battesimo, lasciò l’ufficio di giudice  e si mise a diffondere la fede cristiana, per la qual cosa sotto il re Mwanga fu orribilmente mutilato e  privato di ogni aiuto rese l’anima a Dio sulle colline di Kampala.

A Savona in Italia il B. Giuseppe Marello, vescovo di Aqui , il quale fondò la Congregazione degli Oblati di S. Giuseppe,per la cura morale e cristiana dei giovani.

Nel campo di concentramento di Buchenwald  in Germania la passione del B. Ottone Neururer, sacerdote e martire, il quale avendo dissuaso una giovane cattolica di contrarre matrimonio con un sostenitore di un regime contrario a Dio e alla dignità umana, già sposato, fu messo in carcere, dove in segreto continuò ad esercitare il suo ministero; infine sospeso con la testa in giù fu lasciato morire lentamente.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
31 Maggio
 

S. Petronilla
A Roma sulla Via Ardeatina, nel cimitero di Domitilla, ricordo di S. Petronilla, vergine e martire.

S. Ermia
A Comana nel Ponto, ricordo di S. Ermia, legionario e martire.

SS. Canzio, Canziano e Canzianilla
Ad Aquileia in Friuli, ricordo dei SS. Canzio, Canziano e Canzianilla, martiri, che, arrestati dai persecutori mentre fuggivano dalla città, furono portati assieme al patibolo.

BB. Robert Thorpe e Tommaso Watkinson
A York in Inghilterra, ricordo dei BB. Robert Thorpe, presbitero, e Tommaso Watkinson, martiri, che, condannati a morte sotto Elisabetta I, il primo perché sacerdote, e l’altro, padre di famiglia di età matura, per aver fornito aiuto e sostegno ai sacerdoti cattolici, ricevettero quindi insieme sul patibolo la corona del martirio.

S. Noè Mawaggali
A Mityana in Uganda, ricordo di S. Noè Mawaggali, martire, che, servo del re, ed infuriando la persecuzione contro i cristiani, rifiutando intrepido di cercare la fuga offrì il petto alle lance dei soldati, con cui fu inchiodato ad un albero e quindi impiccato, dando la vita per Cristo.
 

 

Torna all’ inizio della pagina